P er affrontare adeguatamente il bullismo, è fondamentale distinguere le conseguenze dalle cause. Negli interventi, va data priorità alle conseguenze, ai danni per i bambini e i ragazzi che subiscono: il primo obiettivo deve essere ridurre i comportamenti di prepotenza nei confronti delle vittime.

Per raggiungere questo obiettivo non è sempre necessario modificare le cause che portano i prepotenti ad agire (modifica che richiede spesso tempi lunghi), ma è possibile ottenere una riduzione dei comportamenti di prepotenza lavorando in modo preciso e mirato con il gruppo classe. Infatti il coinvolgimento del gruppo, l'uscita dall'indifferenza e la partecipazione e collaborazione del gruppo dei coetanei,

sono elementi cardine di qualsiasi intervento efficacemente preventivo su queste tematiche.

Nella nostra esperienza i fattori che si sono dimostrati cruciali per un buon esito degli interventi di riduzione del bullismo sono:

  • l'attivazione di percorsi strutturati e continuativi,
  • il coinvolgimento attivo di tutto il gruppo classe,
  • la gestione della rabbia e dei sentimenti di ostilità,
  • la non negazione dei problemi da parte dei genitori degli alunni maggiormente coinvolti nel bullismo e la loro sincera disponibilità a collaborare.
L'atteggiamento dei genitori è decisivo soprattutto nell'infanzia e nella preadolescenza, fasi evolutive in cui senza l'accettazione della responsabilità da parte della famiglia è estremamente difficile risolvere le situazioni ad alto rischio.
 
Bullismo in pillole: 6 - Priorità
OF0214b

Oliviero Facchinetti

Amministratore e Fondatore
psicologo psicoterapeuta
Trento +39 0461 924900
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Bulli! di O. Facchinetti

Una guida pratica per combattere le situazioni di bullismo. Frutto di una esperienza decennale di interventi con insegnanti, alunni, classi e genitori.

FacebookMySpaceTwitterLinkedinRSS Feed

logo110

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.bullismo.it