Genitorialita'

Guide Agili per Genitori, Bugie e frottole

www.bullismo.it

Il primo sito italiano sul bullismo
Traduzione dalle Parent Easy Guide
(Per gentile concessione)

Guide Agili per Genitori

a cura di Oliviero Facchinetti - Psicologo psicoterapeuta

Bugie e frottole

Quasi tutti diciamo bugie di tanto in tanto e per varie ragioni, magari per evitare di ferire i sentimenti di qualcun altro, oppure per cercare di uscire da una situazione imbarazzante.

Ci sono tante ragioni per cui i bambini possono non dire la verità. I genitori si preoccupano molto quando i loro figli raccontano bugie. E’ facile arrabbiarsi per la bugia in sé e lasciarsi sfuggire ciò che questo significa per il bambino.

E’ molto importante capire i motivi per cui il bambino dice le bugie prima di reagire.


Perchè i bambini dicono le bugie?

Imparare la verità

(le età sono solo indicative – dipende dal livello di sviluppo individuale del bambino)

  • Per un bambino al di sotto dei tre anni dire bugie non ha nessun significato. I bambini con meno di tre anni non capiscono che pensare è una cosa privata. Pensano che i loro genitori possano leggere loro nella mente. Un bambino di due anni in un negozio può dire: “Perché mi hai perso mamma?” perché pensa che la mamma sappia dove si trova, anche quando non lo può vedere.
  • Tra i tre e i quattro anni imparano a capire che gli altri non sanno ciò che loro pensano. I bambini di questa età hanno una immaginazione molto fervida e amano esercitare questa loro nuova abilità e spesso la collaudano raccontando “storie”, per es. “E’ stato il lupo cattivo a fare questo”. E’ normale per un bambino piccolo incolpare qualcun altro o inventare una storia.
  • I bambini nei primi anni di scuola solitamente vogliono compiacere i loro genitori più di quanto non vogliano fare “la cosa giusta”, perciò sono poco propensi a dire la verità se pensano che questo possa fare arrabbiare i genitori.
  • Verso gli otto o nove anni, quando smettono di credere a Babbo Natale, i bambini cominciano anche a capire qualcosa di più riguardo alla differenza tra realtà e fantasia. Il concetto di giusto e sbagliato solitamente si sviluppa verso l’età di nove/dieci anni.

L’amico immaginario.

Alcuni bambini intorno ai tre o quattro anni hanno un amico immaginario. E’ piuttosto normale a questa età e solitamente scompare a mano a mano che il bambino cresce. I bambini parlano e giocano con questo amico quando sono turbati e a volte incolpano l’amico quando fanno qualcosa di sbagliato

Non è il caso di preoccuparsi a meno che il bambino non si dimostri realmente isolato e incapace di confrontarsi con altri bambini o con gli adulti. Potete aiutarlo offrendogli occasioni di divertimento e di gioco con altri bambini.

Le ragioni per cui i bambini dicono le bugie

  • sono piccoli e alla loro età non hanno ancora ben chiara la differenza fra vero e falso, fra giusto e sbagliato;
  • per paura della punizione o per paura di perdere l’affetto dei genitori;
  • poca autostima e desiderio di apparire migliori;
  • per far colpo sugli amici ed essere accettati nel gruppo;
  • a volte sono convinti che ciò che stanno dicendo è vero;
  • per copiare qualcun altro in famiglia che dice bugie. I genitori dicono che mentire è sbagliato ma essi stessi non sempre dicono la verità, per es. quando qualcuno bussa alla porta e un genitore dice: “Digli che non ci sono”;
  • per esprimere un desiderio. A volte i bambini dicono ciò che vorrebbero fosse vero, per es. “mio papà mi porta sempre a giocare a pallone”;
  • gli adolescenti a volte dicono bugie perché temono che se dicessero la verità non sarebbe loro permesso fare ciò che vogliono;
  • i bambini più grandi, e in particolar modo gli adolescenti, sentono il bisogno di mantenere privati alcuni aspetti della loro vita e non vogliono condividerli con i genitori. Se i genitori fanno troppe domande un bambino un po’ più grande o un adolescente può mentire per proteggere questa privacy.

Che cosa possono fare i genitori

  • Cercate di non entrare in conflitto sulla questione del dire bugie.
  • Insegnate ai bambini le ragioni per cui è importante dire la verità, per es. “Se uno dice la verità è più facile avere fiducia in lui”.
  • Ai bambini più piccoli insegnate la differenza tra realtà e fantasia, per es. “Questa è proprio una bella storia” oppure “Vedo che sai inventare delle storie carine, potremmo scriverle per poterle conservare”.
  • Se pensate che vostro figlio abbia paura della punizione, parlategli di altri modi in cui potreste reagire di fronte ad uno sbaglio affinché sappia che non ha nulla da temere se è onesto.
  • Spesso è più utile sdrammatizzare un piccolo incidente dicendo: “vedo che c’è stato un inconveniente con il latte, puliamo, oppure… vuoi pulire?” piuttosto che “hai versato il latte?”
  • Spiegate al vostro bambino che capite che a volte le bugie indicano un desiderio. Per esempio, se un bambino dice che suo papà gli telefona sempre e voi sapete che non è così, potreste dire “mi sembra di capire che tu vorresti che papà fosse sempre qui”.
  • Non etichettate vostro figlio come “bugiardo” poiché le etichette tendono ad incoraggiare il tipo di comportamento che si vorrebbe evitare.
  • Sottolineate quando i bambini dicono la verità e fate loro sapere che ne siete contenti.
  • Concedete ai bambini e ai ragazzi un po’ di privacy. Domandate quello che è necessario che voi sappiate per poterli proteggere, ma non indagate più di tanto. Spesso vi parleranno quando lo riterranno opportuno e sentiranno che li ascoltate senza giudicarli.

Promemoria

  • Dire la verità è una cosa che i bambini imparano negli anni, non una cosa che sanno fare dalla nascita.
  • I bambini vogliono compiacere i genitori più di ogni altra cosa. Evitano quindi di dire la verità se pensano che ciò li possa far arrabbiare.
  • Insegnate ai bambini la differenza tra vero e falso, ma ricordate che ci vuole tempo prima che essi siano in grado di capire veramente.
  • Spiegate il motivo per cui è importante per voi dire la verità.
  • Date il buon esempio dicendo voi stessi la verità.

GAG  - Guida Agile per Genitori n. 25  

30.11.2005 - Traduzione a cura di: Daniela Bosio  -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  (togliere le "xxx") per conto di: O. Facchinetti  psicologo psicoterapeuta - Trento (Italy) - da documento originale scritto da:   Child and Youth  Health and Parenting SA   © Copyright  www.parenting.sa.gov.au - PEGS - Parenting Easy Guides   # 3   

© copyright
1996
Documenti e testi non possono essere duplicati o distribuiti se non previo consenso scritto da parte degli Autori. Nel rispetto dei diritti d’autore, il presente materiale è a solo scopo di consultazione personale ed è assolutamente vietato qualsiasi scopo di lucro. Non si assume alcun tipo di responsabilità per qualsiasi uso venga fatto del presente materiale.

Share/Save/Bookmark

odflab ico1

logo ats ico

ephedra

psb

il ponte