Gli insegnanti gestiscono da sempre le prepotenze tra alunni, prima ancora che questo tipo di comportamenti venisse denominato "bullismo". E' però ormai un dato di fatto che il progressivo aumento della complessità sociale rende sempre più difficile la gestione della socialità tra gli alunni e di conseguenza anche il rapporto tra scuola e famiglia.

La formazione per insegnanti è solitamente rivolta ad un gruppo motivato a cui fornire strumenti per la comprensione e la gestione delle varie forme di conflittualità (vecchie e nuove), spaziando dalle normali manifestazioni di conflitto sociale alle forme conclamate di bullismo ripetuto nel tempo.

 

Leggi tutto...

Nei vari ambiti di intervento gli educatori professionali (scuola, centri aggregativi, strutture diurne, centri residenziali, attività di "educativa di strada", ecc.) si trovano spesso ad affrontare situazioni di prepotenza o a seguire con progetti di recupero bambini o ragazzi coinvolti nel bullismo.

In molti casi - in particolare in presenza di progetti individulizzati - l'educatore è la figura adulta più vicina al mondo del ragazzo e, nell'essere figura di supporto affettivo, si trova spesso a dover mediare tra le esigenze del ragazzo/a o del gruppo di ragazzi e quelle più in generale della società. Si trova in qualche modo a fare da "cuscinetto" e dover gestire bisogni spesso contrastanti, nel tentativo di recuperare significato e senso ai comportamenti dei ragazzi di cui si sta prendendo cura, in qualche modo ne diventa un "alleato" necessario.

Nella gestione delle molte sottili sfumature di questo particolare rapporto di supporto, protezione e complicità, si gioca gran parte dell'efficacia dei percorsi educativi, siano essi a valenza preventiva (su fasce a rischio) o a valenza riabilitativa (con soggetti già coinvolti in comportamenti di una certa gravità).

Un così delicato compito necessita spesso di una formazione continua, che permetta di avere momenti e spazi per poter "prendere le distanze", per comprendere ciò che affettivamente sta avvenendo nella relazione educativa e integrare in un più ampio quadro d'insieme i diversi significati e ricadute che i comportamenti agiti dai ragazzi rivestono per l'ambiente in cui vivono, sia nel rapporto con altri adulti che con i coetanei.

Per informazioni o richieste: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Supervisione casi con insegnanti

L'attività di supporto al singolo insegnante per la gestione di situazioni problematiche (disagio socio educativo, disturbi del comportamento, bullismo, ecc.) si focalizza sull'analisi dei comportamenti dell'alunno per comprenderne i significati in relazione alla personalità dello stesso, all'ambiente socio educativo ed al clima relazionale della classe.

Per un quadro generale della situazione vanno considerati anche i sentimenti dell'insegnante, che spesso forniscono la chiave di lettura più significativa per comprendere i bisogni dell'alunno/a, in particolare nei casi in cui i comportamenti agiti prevalgono su altre forme di comunicazione.

 

Leggi tutto...

L'approccio psicosomatico alla famiglia 

con la psicoterapia funzionale e corporea

 Dott. Oliviero FACCHINETTI        -        Psicologo psicoterapeuta
  CONGRESSO S.I.M.P.   Firenze Maggio 1993

Sommario: In Psicoterapia Funzionale la famiglia viene considerata un organismo gruppale ed il sintomo o malattia del bambino espressione del cronicizzarsi di comunicazioni caratteriali e/o di incongruenze e scissioni tra i vari piani del Sé familiare: Cognitivo, Emotivo, Posturale e Fisiologico; l'intervento si snoda in un percorso che vede quattro fasi interconnesse: accoglimento, mobilizzazione, regressione e ricostruzione.

Le ipotesi cliniche della teoria Funzionale del Sé rilevanti nell'intervento con la famiglia sono:

  • a) la concezione del come insieme di quattro piani : COGNITIVO (simbolico, ideativo, immaginativo, razionale, ricordi), EMOTIVO (affetti, emozioni), POSTURALE (struttura muscolare, posture, movimenti, morfologia) e FISIOLOGICO (apparati, sistemi, soglie percettive,...);

Leggi tutto...

UTILIZZO FUNZIONALE del GRUPPO negli INTERVENTI di PREVENZIONE

Dr. Giuseppe RIZZI
Psicologo psicoterapeuta

Il contributo di queste note riguarda un intervento istituzionale condotto utilizzando il modello della Psicoterapia funzionale. L'intervento prevedeva l'impianto e l'attuazione di un progetto per costituire nelle sedi più varie un "Laboratorio adolescenti di prevenzione ed educazione alla salute".

Punti salienti del progetto sono:

  1. Uso del modello di riferimento della Psicoterapia funzionale;
  2. Utilizzo del gruppo come strumento operativo di cambiamento;
  3. La progettualità come area d'intervento e di ricerca (laboratorio);
  4. Il lavoro esperienziale come momento qualificante da collegarsi alla definizione-assunzione-realizzazione del compito;
  5. L'impiego di un coordinatore esterno al Servizio (Dr. G.Rizzi);
  6. L'assunzione di consapevolezza e responsabilità come il luogo di sviluppo e di crescita (prevenzione e autonomia);
  7. Ausiliarietà dell'équipe del progetto rispetto alla progettualità dei gruppi e delle persone esterne.
Leggi tutto...

PREVENZIONE e RILEVAZIONE FUNZIONALE delle ISTITUZIONI

Oliviero FACCHINETTI    -        Psicologo psicoterapeuta 

Sommario:

RILEVAZIONE FUNZIONALE DELLE ISTITUZIONI

L’approccio di Psicologia Funzionale del Sé alle istituzioni si propone come una metodologia che va ad agire, con tecniche "ampliate" a più livelli dell’organizzazione, sulle specifiche alterazioni delle singole componenti, del gruppo e dell’istituzione. Questo in una prospettiva che tende a non separare cura e prevenzione, salute e malattia, sviluppando funzioni di regolazione, utilizzando le risorse, potenziando lo stato di benessere, ecc.. Vengono individuate quattro grandi aree, con piani e funzioni: cognitivo, emotivo, fisiologico, posturale.

Leggi tutto...

Emozioni tra fantasia e movimento nella relazione terapeutica

Dott.ssa Barbara Andriello

Psicologa Psicoterapeuta, didatta S.I.F. (Società Italiana Psicoterapia Funzionale Corporea) - Napoli

Relazione al Convegno nazionale: "Adolescenza tra identità e disagio" - Comune di Trento, 15 marzo 1996

© Copyright - Documenti e testi non possono essere duplicati se non previo consenso scritto da parte dell' Autore.

Nell'affrontare il tema delle emozioni tra fantasia e movimento nella relazione terapeutica cercherò di porre in evidenza gli elementi che l'adolescente mette in gioco nel rapporto, specifici e peculiari di questa stagione della vita, e soprattutto la funzione che il terapeuta può e deve assumere di fronte alle tematiche emergenti in quella che Galimberti definisce “tappa inconclusa dell'eterno disordine”; le cose che cercherò di mettere in evidenza riguardano molto anche l’aspetto della prevenzione e quello della funzione del gruppo.

La psicologia funzionale, partendo dall'ipotesi che nello sviluppo dell'individuo è possibile ravvisare una continuità di fondo, considera la fase adolescenziale come un insieme di graduali, se pur tumultuosi, cambiamenti su tutti i piani del Sé, piuttosto che vedervi la nascita di nuove funzioni o la irruzione di processi improvvisi. Di fronte a questa “inquietudine che muta”, per citare ancora Galimberti, viene sollecitata, più che in altre esperienze, la disponibilità del terapeuta a far leva sulla mobilità della sua presenza, ad aprire la gamma delle emozioni controtransferali, ad utilizzare la modularità della sua funzione nelle varie fasi del processo terapeutico.

Leggi tutto...

Emozioni e Benessere

Dott. Oliviero FACCHINETTI        -        Psicologo psicoterapeuta

Le emozioni rappresentano una risposta dell'organismo agli stimoli ambientali, sono un segno importante dell'integrazione tra mente e corpo e rivestono un ruolo centrale nella qualità della vita: la loro repressione, dovuta a fattori di diversa origine, spesso causa disagi e malattie, mentre la loro adeguata espressione favorisce il benessere e la crescita della persona.

Il termine EMOZIONE deriva dal latino "ex-moveo", che significa 'muovere-fuori, uscire, sgorgare': l'etimologia della parola richiama quindi un movimento che da 'dentro' va verso 'fuori'. Possiamo distinguere alcune emozioni di base, quali piacere, dispiacere, rabbia, paura, gioia, tenerezza, che si evolvono in affetti, sentimenti più complessi, sfumano l'una nell'altra e a volte si intrecciano formando quasi dei grovigli inestricabili. L'emozione nasce nella relazione, nel rapporto con l'esterno o con le nostre immagini, ed è la componente principale della nostra reazione agli stimoli ambientali, siano essi provenienti da oggetti, animali, persone o altro.

 

Leggi tutto...

Andare-verso: dal desiderio all'aggressività

 Dott. Oliviero FACCHINETTI        -        Psicologo psicoterapeuta 

L'aggressività naturale e la rabbia (reazione alla frustrazione) sono emozioni spesso fraintese, inibite e represse nel bambino e nell'adulto; ciò favorisce la loro trasformazione in rancore o violenza.

I termini AGGRESSIVITÀ, RABBIA e VIOLENZA vengono spesso usati come sinonimi, per descrivere comportamenti di sopraffazione, giudicati negativamente e condannati; questa semplificazione di significati è dovuta anche al fatto che frequentemente la persona non distingue chiaramente questi affetti dentro di sé, ma li vive come un'unica manifestazione emotiva. In certe condizioni infatti l'aggressività può trasformarsi in rabbia e la rabbia in violenza e quando nella persona queste trasformazioni diventano automatismi inconsapevoli anche i sentimenti si confondono e perdono il loro significato profondo ed originario.

Leggi tutto...

Stress e ansia

L.  Rispoli  -  Psicologo psicoterapeuta
  1. Introduzione
  2. L'ansia
  3. Lo Stress
  4. Gli effetti della terapia funzionale
  5. I fattori generali di regolazione
  6. L'importanza della respirazione

Introduzione

Studi sempre più numerosi tendono a verificare i collegamenti tra il campo emozionale (e psichico, in senso generale) con i livelli profondi del biologico. Si studiano, ad esempio, le interazioni tra depressione e cancro; tra shock emotivo e malattie degenerative; tra stress e indebolimenti del sistema immunitario; tra ansia e malattie cardiocircolatorie; e così via. Tutte queste ricerche sembrano aver comprovato che esistono connessioni indubitabili tra differenti livelli di funzionamento dell'uomo, o, come diciamo in psicologia funzionale, tra differenti aree del Sé. Molto spesso però i piani studiati sono troppo lontani tra loro, cosicché si perdono le possibilità di trovare il senso più profondo delle interconnessioni e delle leggi che le regolano.

Leggi tutto...
OF0214b

Oliviero Facchinetti

Amministratore e Fondatore
psicologo psicoterapeuta
Trento +39 0461 924900
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Bulli! di O. Facchinetti

Una guida pratica per combattere le situazioni di bullismo. Frutto di una esperienza decennale di interventi con insegnanti, alunni, classi e genitori.

FacebookMySpaceTwitterLinkedinRSS Feed

logo110

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.bullismo.it